1. Home
  2. Food
  3. L’arte di creare contenuti coinvolgenti per il tuo canale Instagram di cibo

L’arte di creare contenuti coinvolgenti per il tuo canale Instagram di cibo

Instagram foto di cibo

Foto accattivanti e video per raccontare la vera anima della nostra attività di food & beverage. Scopri alcuni utili consigli proposti da Lemonet Food Agency per creare un canale Instagram di cibo coinvolgente ed efficace.

Secondo i dati del report 2023 di Semrush su quante persone usano Instagram, gli utenti attivi presenti ogni giorno sull’app di Instagram in ogni parte del mondo sono circa 500 milioni, per un totale di oltre 1 miliardo di utenti al mese.

500 milioni è anche il numero di persone raggiunte quotidianamente dalle Stories di Instagram, mentre il tempo medio giornaliero degli utenti sulla piattaforma sfiora i 30 minuti (circa 32 minuti per chi ha meno di 25 anni, a testimonianza di un pubblico tendenzialmente molto giovane).

Queste statistiche rendono molto bene l’idea di quanto, oggi come oggi, Instagram rappresenti una piattaforma di importanza strategica per il digital marketing delle aziende di qualunque settore professionale. Per quanto riguarda il marketing della ristorazione e, in generale, tutto l’ambito del food & beverage, è ormai divenuto uno strumento imprescindibile.

Creare un contenuto instagrammabile

Il cibo su Instagram, infatti, va alla grande. Parliamo di uno dei trend più importanti e ricercati presenti sulla piattaforma. Ogni prodotto che compriamo, ogni piatto che assaggiamo, ogni ristorante che visitiamo deve essere bello, attraente, espressivo. In una parola, instagrammabile.

Sviluppa una strategia di Instagram marketing

Facciamo però attenzione a un aspetto in particolare: quello che svolgiamo su Instagram non è un passatempo, un gioco, o un insieme di tentativi da provare a caso per ottenere visibilità. Il lavoro da svolgere rappresenta una vera e propria arte, una strategia che deve essere pianificata nei minimi dettagli.

Il feed della nostra pagina, cioè la sequenza dei contenuti che gli utenti possono visualizzare scorrendo la pagina stessa, deve essere accattivante e colpire visivamente il pubblico, ma al tempo stesso mostrare coerenza con i valori del nostro brand e con il senso dei messaggi che vogliamo trasmettere.

Per questo motivo, creare dei contenuti coinvolgenti non è così banale, anzi spesso rappresenta una sfida difficile anche per i professionisti di un’agenzia di food marketing. Questo perché bisogna riuscire a mettere insieme sia la forma che la sostanza, coniugando l’estetica con il contenuto.

Condividi nel feed la personalità del tuo ristorante o dei tuoi prodotti

All’interno del feed dobbiamo riuscire a inserire gli elementi giusti che richiamino l’anima della nostra attività. Gli utenti devono capire l’esatta personalità del ristorante che gestiamo o dei prodotti che proponiamo.

Deve esserci perciò un filo conduttore che li accompagni tra i contenuti del nostro feed. Può riguardare lo stile delle immagini, oppure il soggetto delle stesse, o anche l’utilizzo di determinati colori.

Il potere degli hashtag

Allo stesso modo, per quanto riguarda i contenuti testuali, può essere molto utile creare un’hashtag personalizzato, il cosiddetto branded hashtag, che da un lato aiuterà il pubblico a trovare i nostri contenuti con molta facilità, dall’altro contribuirà anche a ricondividere lo User Generated Content (UGC), ovvero i contenuti generati dagli utenti, che costituiscono uno strumento importante per la nostra digital strategy, come avremo modo di scoprire più nel dettaglio tra poco.

Stories, ricette, video interviste: come creare i contenuti giusti per appassionare i tuoi utenti

Date queste premesse legate alla strategia da adottare, vediamo quali sono i migliori strumenti che Instagram ci mette a disposizione per rivolgerci alla nostra community attraverso contenuti di qualità:

  • Stories: sono immagini o video verticali a schermo intero che hanno una durata prestabilita di 24 ore. Data la sua natura effimera, questo contenuto esula dalla strategia grafica che contraddistingue il nostro feed. Ciò lo rende adatto alla condivisione di foto o video brevi che raccontano il backstage della nostra attività; oppure a lanciare dei sondaggi rivolti ai nostri followers; o ancora può servire per comunicare alla community delle notizie urgenti su un evento specifico, informazioni che già dal giorno successivo non sarebbero più utili e che quindi non avrebbe senso inserire nel feed. È anche importante sottolineare che possiamo mettere in evidenza le Storie più significative: significa che gli utenti le troveranno in una raccolta vera e propria, che vedremo fissa sotto la bio, prima dell’inizio del nostro feed.
  • Video di ricette esclusive: la cucina è ormai sempre più interattiva, nel senso che le persone amano cimentarsi nella realizzazione delle ricette che trovano nei ristoranti o che utilizzano determinati prodotti. In questo senso, possiamo proporre dei video ad hoc che vadano incontro a questa richiesta del pubblico. Dobbiamo però essere molto bravi a realizzarli: se saranno video troppo lunghi rischiamo che gli utenti li abbandonino senza vederli per intero; se non saranno abbastanza precisi, chi li guarda potrebbe non riuscire a replicare la ricetta, e la prossima volta cercherà di documentarsi su un’altra pagina.
  • Dietro le quinte: sono molto apprezzati dal pubblico i video che raccontano aneddoti sulla cucina, sul lavoro dello staff, e in generale su tutto quello che sta per l’appunto dietro le quinte e che generalmente un cliente non è in grado di vedere. È anche un modo azzeccato per raccontare agli utenti qualcosa in più del nostro modo di lavorare, delle nostre idee e, dunque, della nostra identità.
  • Video interviste con lo chef: anche questo è un contenuto che serve a dare una maggiore profondità alla nostra brand identity, portando alla luce aneddoti e curiosità che gli appassionati di cucina, soprattutto i più giovani, apprezzeranno di certo. Uno chef può anche descrivere uno specifico prodotto e raccontare qualcosa di più sulle sue origini e sulla tradizione all’interno della cucina territoriale.

Ripubblica i contenuti creati dagli utenti per aumentare la tua reputazione

Un’altra tecnica da utilizzare per entrare sempre più in sintonia con il nostro pubblico è quella del repost dello User Generated Content. Gli utenti, infatti, possono creare dei contenuti riferiti alla loro esperienza nel nostro locale o con i nostri prodotti.

Così facendo, loro stessi diventano i primi testimonial del brand, e la loro esperienza verrà percepita dalle altre persone in maniera superiore rispetto ad esempio a una campagna pubblicitaria. Perché? Perché una pubblicità tende volutamente a esagerare i pregi di un prodotto o di un’azienda, mentre gli altri utenti esprimono la loro opinione solo per il gusto di farlo, senza alcun tornaconto personale.

Proprio per questo motivo, lo User Generated Content può diventare un’arma molto importante per la nostra strategia di digital marketing: in un mondo in cui ormai la maggior parte dei brand lavora utilizzando i contatti molto ben pagati degli influencer, lo UGC può diventare l’elemento in grado di differenziarci dalla concorrenza.

Inoltre possiamo utilizzare i contenuti degli utenti come delle reference, così da prendere spunto per sviluppare contenuti interessanti per il nostro pubblico. Ovviamente senza dimenticare di aggiungere una buona dose di originalità.

Usa il profilo Instagram for Business

Usare Instagram for Business può darci molti vantaggi: in primo luogo si tratta di un servizio gratuito che permette di aggiungere un’etichetta a indicare la categoria relativa alla nostra attività. 

Google maps

In più, possiamo aggiungere sul nostro profilo dei pulsanti con i contatti aziendali, compreso un indirizzo che rimanda l’utente a Google Maps (un’opzione particolarmente valida per chi possiede un ristorante).

Infine con un profilo Instagram Business abbiamo anche la possibilità di:

  • creare dei post a pagamento per sponsorizzare il nostro locale o i nostri prodotti;
  • attivare un catalogo prodotti cliccabile con Instagram Shopping (utile ad esempio per le cantine che vendono i propri vini attraverso un e-commerce);
  • monitorare i contenuti grazie agli insights, così da capire quali sono quelli che performano meglio e cosa viene apprezzato di più o di meno dal nostro pubblico, per poterci poi regolare di conseguenza.

Hai bisogno di contenuti specifici per sviluppare il tuo canale Instagram di cibo? Contattaci e approfitta della consulenza gratuita di 30 minuti con uno dei nostri esperti sul food marketing.

Potrebbero interessarti anche

Hai un progetto in mente? Raccontacelo!

Scrivici a info@lemonet.it, inviaci un WhatsApp o compila il form spiegandoci il tuo obiettivo, verrai ricontattato dal nostro team entro 24 ore lavorative. Non sei delle nostre parti? Tranquillo, offriamo videoconferenze per aiutarti a realizzare la tua idea.